“Che fatica diventare grandi”, un libro in cerca di illustrazioni. Ecco come partecipare - Valore Responsabile

Ultimo aggiornamento il 19 aprile 2020 alle 7:44

“Che fatica diventare grandi”, un libro in cerca di illustrazioni. Ecco come partecipare

L’idea di Marta, resa possibile grazie alla casa editrice online Bookabook e ad una campagna di crowdfunding, è nata da una storia che ha scritto ma che era in attesa di trovare le immagini giuste. L’isolamento di questi giorni l’ha ispirata e l’ha spinta a cercare nelle case di tutti la fantasia che serviva per dare corpo al libro. Come partecipare

La sfida della crescita sta tutta in un gomitolo che anziché chiudersi in se stesso corre e si srotola piano piano. Per i bambini la sfida ancora più grande, adesso, è crescere cercando di comprendere cosa ci sta accadendo e cosa possono fare per continuare ad alimentare quel mondo senza limiti che è la fantasia, rimanendo in casa. A mettere in piedi un vero e proprio cantiere della creatività per coinvolgerli in un’avventura speciale è la giovane autrice Marta Dal Corso, che nei giorni della quarantena ha ideato Che fatica diventare grandi” l’avventura dedicata ai più piccoli e ai loro genitori, perfetta per coinvolgerli in queste giornate in cui il tempo scorre lento, destinata a sostenere chi lotta in prima linea contro il Covid-19.

Come si partecipa, dalle bozze ai disegni. I diritti d’autore in beneficienza

“Che fatica diventare grandi” edito da Bookabook, una casa editrice che dà vita ai progetti tramite crowdfunding, è un e-book che raccoglie le avventure di un piccolo gomitolo ma arriva privo di illustrazioni, perché è deve essere riempito dall’immaginazione dei piccoli lettori, che possono contribuire a dare corpo e colore ai personaggi della favola. Il libro può essere scaricato in pre-ordine per ottenere le bozze. in download c’è il modello per lillustrazione che una volta completata va inviata alla casa editrice, seguendo le istruzioni. I bambini potranno così contribuire in maniera personale e diretta al racconto: i disegni più belli diventeranno definitivamente parte del libro, che arriverà a casa in copia cartacea. I diritti dautore saranno devoluti a realtà in ambito medico, sanitario e di ricerca che oggi stanno dimostrando il grande valore dellItalia. Per pre-ordinare la bozza basta cliccare QUI, per inviare i disegni basta invece scaricare il modello e inviare poi il tutto alla casa editrice secondo le indicazioni on line.

 

 

 

L’idea di Marta è nata da una storia che ha scritto ma che era in attesa di trovare le immagini giuste: l’isolamento di questi giorni l’ha ispirata e l’ha spinta a cercare nelle case di tutti la fantasia che serviva per dare corpo al libro. Attraverso la pagina facebook Marta Dal Corso Piccole Storie” lautrice è pronta a raccogliere suggerimenti e segnalazioni di realtà, enti, associazioni che si stanno distinguendo nellemergenza in corso e che potrebbero meritare un sostegno nel tempo, dato che la donazione arriverà nel post Covid. In queste settimane sui social è l’autrice stessa ad aprirsi ai consigli dei lettori, per selezionare l’ente o la struttura migliore alla quale donare il ricavato. “Sono arrivate molte proposte, ne ho selezionate circa dieci tra cui scegliere: dai reparti pediatrici alla lotta alle leucemie e alla ricerca di cure per malattie congenite o chi si occupa di disabilità”. 

Una “piccola storia” per colorare le giornate

 

“Che fatica diventare grandi!” sarà un libro con la mia storia e le illustrazioni di tutti – spiega lautrice – perché penso che colorare le nostre giornate in questo momento ci aiuti a ritrovare un podi pace. Una pace di cui non tutti possono godere perché adesso alcuni di noi sono impegnati a monitorare, curare, accompagnare, salvare vite umane. A loro va il mio pensiero e per questo motivo questo libro vuole essere anche un progetto sociale perché con le copie vendute voglio aiutare realtà in ambito medico, sanitario e di ricerca a continuare il loro lavoro”. Marta Dal Corso, mamma di due bambine, da qualche anno si dedica alle “Piccole storie” del suo account che ospita tre collane di racconti: quelli al volo inventati, quelli filati creati con chi la segue e le mini biografie, storie di persone comuni ma speciali.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter