Campionati di nuoto paraolimpico. 176 ragazzi in gara: “Sono loro i nostri eroi moderni” - Valore Responsabile
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 10 luglio 2019 alle 10:22

Campionati di nuoto paraolimpico. 176 ragazzi in gara: “Sono loro i nostri eroi moderni”

A Busto Arsizio sono andati in scena i Campionati Assoluti Estivi di Nuoto Paralimpico organizzati sa FINP. Tre giorni di grande sport, con tanti atleti protagonisti.

Ci sono manifestazioni sportive che si ripetono per decenni senza mai passare di moda. Perché danno la possibilità a tanti di conoscere ragazzi che ogni giorno con forza di volontà, passione, impegno, dedizione dimostrano che non esistono barriere e che insieme si vincono le difficoltà. Eroi moderni che spesso si nascondono dietro sguardi timidi o gesti riservati ma che hanno una forza davvero unica e lo sanno dimostrare con gesti atletici impressionanti.

Sono andati in scena in questi giorni i 42esimi campionati assoluti estivi di Nuoto Paralimpico. Nella piscina Manara di Busto Arsizio, che ha ospitato l’edizione di quest’anno, si sono alternati 176 atleti in rappresentanza di 53 società sportive. Ragazzi e ragazze che hanno dimostrato il loro valore in vasca sostenendo gare di altissimo livello e che sono state l’ultimo step nazionale in vista dei prossimi campionati del Mondo che si terranno a Londra dal 9 al 15 settembre.

Un movimento, quello del nuoto paralimpico che sta diventando sempre più rilevante in Italia e nel mondo. Anche in questo caso si è trattato di più di una manifestazione anche perché i ragazzi del nuoto sono dei veri fuoriclasse. Siamo una grande famiglia – ha detto il Presidente FINP Roberto Valori-  e siamo spinti tutti da una grande passione: lavorare e fare bene. La nazionale Finp junior, agli European Para Youth Games, che si sono svolti in Finlandia giusto una settimana fa, ha portato a casa 23 medaglie, contribuendo in maniera eccezionale al bottino dei 44 podi dell’intera Delegazione Italiana”.

Ma soprattutto la federazione ha dimostrato di essere campione in una materia come quella dell’inclusione. “Nelle nostre società alleniamo insieme atleti adulti ma anche bambini – aveva detto Max Tosin delegato regionale FINP Lombardia – il suffisso para che precede la parola olimpiadi significa letteralmente simile. Noi vogliamo dimostrare che queste olimpiadi non hanno niente di meno rispetto alle Olimpiadi, ma anzi valgono di più. Sono Iper-Olimpiadi e i ragazzi sono i veri eroi moderni”.

Ecco allora che assistere alle gare di Busto è qualcosa di più di assistere a una gara e le emozioni si amplificano. La manifestazione si è svolta in 4 sessioni. Presenti alcuni dei grandi campioni e delle promesse della Nazionale italiana. Per tutti hanno parlato Federico Morlacchi, vincitore di sette medaglie paralimpiche di cui una d’oro, quattro volte campione mondiale e dieci volte campione europeo e Giulia Ghiretti che in queste gare ha vinto ben tre medaglie “La piscina di Busto Arsizio è molto veloce e cono state gare combattute e spettacolari”. “Un bellissimo banco di prova per i Mondiali – ha detto Morlacchi- Vengo da fuori regione, ma mi alleno da sempre a Milano con il gruppo della Polha Varese, con il quale stiamo facendo grandi risultati. Me li aspetto anche dagli Assoluti”.

 

Tutte le foto scattate da Pietro Rizzato durante la tre giorni le potete vedere sul sito della FINP .

 

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter